3 azioni per smettere di sminuirti

 La storia del non me lo merito e mi sminuisco

Vorrei smetterla di sminuirmi e sentire che non mi merito nulla dalla vita perché penso di non valere.

Ti racconto la mia storia dice Paola,
penso sempre di meritare meno di chi mi sta attorno, mi confronto continuamente con gli altri e mi sento di meno: meno bella, meno brava, meno acculturata, meno simpatica, meno empatica …

Ciò mi porta a mettermi in una posizione di sottomissione, nella quale è più difficile essere contrariata.

Ed io detesto essere contrariata!

Il confronto quello aperto infatti, proprio non lo reggo e piuttosto mi sminuisco da me.

Mi sminuisco perché sono insicura

Sono molto insicura, si da quando ero bambina e piuttosto di rischiare una figuraccia preferisco ascoltare gli altri. Loro si che sono bravi, intelligenti, sanno un sacco di cose e hanno un bel modo di esprimersi.
Io invece continuo a sminuirmi per il mio aspetto fisico, per quello che dico per quello che faccio.

Purtroppo non mi piaccio, nonostante mi prenda cura del mio aspetto fisico, vado in palestra anche quando non ne ho voglia e indosso abiti alla moda.
Quando sono in compagnia degli altri mi sento impacciata, goffa e sono a disagio, mi sembra sempre di non dire e non fare mai una cosa giusta.

Chi è a sminuirmi?

Negli anni ho capito che sono proprio io a criticarmi. Attraverso la mia vocina interiore che nel tempo è diventata una vera esperta nell’infliggermi colpi bassi.

La mia autocritica interiore rimane sempre  attiva senza mai spegnersi nemmeno un istante.

Con lei accanto sono certa che le cose andranno come sono sempre andate: mi sento di non valere come gli altri.

Nella stragrande maggioranza dei casi mi sono proprio resa conto che non sono gli altri il mio problema ma io stessa!

 

“Ho capito che il problema non sono i miei difetti o gli altri ma le mie percezioni negative”. – dice Paola

 

💡 Potrebbe interessarti anche autostima come creare più fiducia in se stessi

Smetterla di sminuirsi è possibile

rispondo a Paola,

ci vuole strategia, pazienza,  costanza e impegno, proprio come in tutte le cose.

 

3 azioni per smetterla di sminuirti

Ecco qui 3 strategie per smetterla di sminuirti e darti il giusto valore.
Te lo meriti!
Sono semplici e pratiche e puoi iniziarle sin da subito.

 

  • Impara ad affermare il tuo valore!
    Se non sei consapevole dei tuoi punti di forza, fai un elenco di cose che sai fare
    (scrivi un elenco numerato e arriva ad almeno 50 cose. Ad esempio 1) Io so cucinare, 2) io so prendermi cura dei miei animali, 3) io so scegliere bene il mio cibo …

  • Inizia a fare il tifo per te, abbassa la tua autocritica
    Il fatto che la tua autocritica si sempre accesa non significa che lo debba restare per il resto della tua vita, a meno che tu decida che sia così!
    Anziché guardare i tuoi difetti punta il dito sulla tua autenticità e unicità. Siamo tutti diversi e unici per aspetto, modo di esprimerci, esperienza e cultura.
    Qual’è la tua unicità?

 

  • Cambia l’immagine che hai di te
    Guadati come se tu fossi una bambina, bambina di 8/9 anni. E’ possibile che il modo in cui tu ti senta, tu lo abbia iniziato ad apprendere e mettere in pratica proprio a quell’età.
    Permetteresti che un bambino di quell’età si senta così?

     

    Il supercriticatore sempre attivo infatti sei tu, in qualità di “supergenitore”.
    Ora dimmi, che bambina o bambino vorresti vedere? Come vorresti che si sentisse?
    E’ arrivato il momento di cambiare la tua voce interiore e parlare a quella bambina o bambino in modo diverso.

    Cosa decidi di fare?

    Questa strategia è molto potente e ti permette di iniziare a parlarti, attraverso il tuo dialogo interno, in modo diverso e quindi iniziare a lasciare andare le vecchie abitudini e abbracciarne di nuove.

➡ Se vuoi sapere chi sono e cosa faccio puoi leggere la mia storia personale

 

➡ Se mi vuoi contattare per ricevere il mio regalo per te, un incontro gratuito scrivimi qui contattami

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *